bdim: Biblioteca Digitale Italiana di Matematica

Un progetto SIMAI e UMI

Referenza completa

Flagg Moran, Judith and Williams, Kim:
Una classificazione delle pavimentazioni geometriche realizzate dai Cosmati
Bollettino dell'Unione Matematica Italiana Serie 8 7-A (2004) —La Matematica nella Società e nella Cultura, fasc. n.1, p. 17-47, Unione Mastematica Italiana (italian)
pdf (5.06 MB), djvu (632 Kb). | Zbl 1150.01001

Sunto

Se è ben vero che la decorazione geometrica è diffusa in tutte le culture e in tutti i periodi, i Cosmati, una famiglia di artisti-artigiani del marmo del tardo Medio Evo, riuscirono a dar vita ad uno stile decorativo unico nel suo genere. Utilizzando una tavolozza di appena quattro tinte composta da tessere rosse, verdi, bianche, gialle e combinandole in una varietà molteplice di forme, quali quadrati, cerchi, rombi, esagoni e ottagoni, i Cosmati decorarono pavimenti, altari e facciate di più di cento chiese. Pochi tentativi sono stati finora compiuti per catalogare i singoli motivi decorativi dei Cosmati, ma un tale catalogo sarebbe di grande valore per gli storici dell’arte e dell’architettura così come per coloro che sono impegnati a studiare altri generi di decorazione geometrica, ad esempio dell’arte Islamica o dell’arte Nativa Americana. Prima di realizzare il catalogo stesso, è necessario elaborare dei criteri per identificare e classificare i motivi. Tali criteri devono poter individuare categorie che siano mutuamente esclusive, esaustive, descrivibili in termini il più possibile oggettivi, utilizzabili anche da non specialisti ed identificate da una nomenclatura chiara e comprensibile. Sulla base delle conoscenze sviluppate in lunghi anni dedicati allo studio di uno specifico gruppo di motivi decorativi dei Cosmati, le Autrici hanno messo a punto un sistema efficace, qui descritto, che coniuga insieme le molteplici esigenze d’identificazione e classificazione dei motivi, in modo da dare forma compiuta al catalogo. La classificazione è strutturata su una successione di schemi ad albero, in connessione con la struttura geometrica del motivo e utilizza una sequenza di domande al fine di collocare il motivo nel suo giusto posto. Tale classificazione ed il conseguente catalogo consentiranno di proseguire nella seconda parte del progetto di ricerca. Essa consiste nella comprensione della «sintassi» di forme dei Cosmati, cioè l’insieme dei canoni estetici nel rispetto dei quali le forme geometriche erano combinate per realizzare i motivi decorativi, al fine di comprendere meglio come questi artigiani-artisti diedero forma ad uno stile originale e unico.
Referenze Bibliografiche
CROWE, D.W. and D.K. WASHBURN. 1988. Symmetries of Culture: Theory and Practice of Plane Pattern Analysis. Seattle, WA: University of Washington Press. | Zbl 1202.01004
GLASS, DOROTHY. 1980. Studies on Cosmatesque Pavements. British Archaeological Reports International Series, Vol. 82. Oxford: British Archaeological Reports.
GOMBRICH, E. H. 1979. The Sense of Order: a study in the psychology of decorative art, Ithaca, Cornell University Press.
GRÜNBAUM, B. and G.C. SHEPHARD. 1987. Tilings and Patterns. New York: Freeman. (Section 10.1.)
KIER, HILTRUD. 1970. «Die mitteralterliche Schmuckfussboden», Die Kunstdenkmaeler des Rheinlandes 14. Duesseldorf. | MR 857454
KNIGHT, TERRY W. 1994. Transformations in Design. Cambridge: Cambridge University Press.
LI, ANDREWI-KANG. 2001. «A Shape Grammar for Teaching the Architectural Style of the Yingzao Fashi.» Ph.D. Diss., Massachusetts Institute of Technology.
MARCH, LIONEL. «Rulebound unruliness». 1996. Environment and Planning B: Planning and Design 23: 391-399.
MARTIN, GEORGE E. 1982. , New York, Springer-Verlag, 1982. | Zbl 0484.51001
MITCHELL, WILLIAM J. 1998. The Logic of Architecture: Design, Computation and Cognition, Cambridge, MA: MIT Press. | MR 718119
MORAN, JUDITH and KIM WILLIAMS. 2003. From Tiling the Plane to Paving Town Square, in Visual Mind II, Michele Emmer, ed., Cambridge, Massachusetts, MIT Press. In press.
PAJARES-AYUELA, PALOMA. 2001. Cosmatesque Ornament: Flat Polychrome Geometric Patterns in Architecture. Maria Fleming Alvarez, trans. New York, London: W.W. Norton. | MR 2144643 | Zbl 1032.52008
PIAZZESI, A, V. MANCINI, L. BENEVOLO. 1954. «Una statistica sul repertorio geometrico dei Cosmati». Quaderni dell’Istituto di Storia dell’Architettura 5: 11-19.
SCHATTSCHNEIDER, D. 1993. «The Fascination of Tiling.» Pp. 157-164 in M. Emmer (ed.), The Visual Mind. Cambridge MA: MIT Press.
SCHATTSCHNEIDER, D. «The plane symmetry groups: Their recognition and notationAmerican Mathematical Monthly, 85(6), 1978, 439-450. | MR 1255846 | Zbl 0381.20036
STINY, G. 1975. Pictorial and Formal Aspects of Shape and Shape Grammars. Basel: Birkhauser. | MR 477980
STINY, G. 1994. «Shape rules: closure, continuity and emergence». Environment and Planning B: Planning and Design 21: s49-s78.
WILLIAMS, KIM. 1997-a. Italian Pavements. Patterns in Space. Houston: Anchorage Press.
WILLIAMS, KIM. 1997-b. «The Pavements of the Cosmati.» Pp. 41-45 in The Mathematical Intelligencer 19 (Winter 1997): 1, 41-45.

La collezione può essere raggiunta anche a partire da EuDML, la biblioteca digitale matematica europea, e da mini-DML, il progetto mini-DML sviluppato e mantenuto dalla cellula Math-Doc di Grenoble.

Per suggerimenti o per segnalare eventuali errori, scrivete a

logo MBACCon il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali